depressione

“Dai a ogni giornata
la possibilità di essere
la più bella della tua vita.” 

– M. Twain

Depressione

Che cos’è la depressione?

La depressione è un disturbo dell’umore molto diffuso. Ne soffrono circa 15 persone su 100, può colpire chiunque a qualunque età, ma è più frequente tra i 25 e i 44 anni. Spesso si associa ad altri disturbi, sia psicologici (frequentemente di ansia) sia medici.

Quali sono i sintomi della depressione?

Chi soffre di depressione presenta un umore depresso per l’intera giornata e per più giorni di seguito e non riesce più a provare alcun interesse o piacere nelle attività che prima lo appassionavano o lo facevano stare bene. Mostra e prova frequenti e intensi stati di insoddisfazione e tristezza vivendo una condizione di costante malumore. E’ stanco, senza energie fisiche e mentali, con difficoltà nella concentrazione e nella memoria e con disturbi del sonno. Si sente giù di morale, angosciato, insoddisfatto, irritabile e con pensieri negativi, e spesso la vita gli sembra dolorosa e senza senso, un fallimento di cui si sente colpevole o, a volte, vittima. Tende quindi a chiudersi in se stesso e trova faticose anche le semplici attività quotidiane.

Individuare la depressione

Il disturbo depressivo coinvolge spesso sia la sfera affettiva che cognitiva della persona influendo negativamente sulla vita familiare e lavorativa, sulle abitudini alimentarie, sul sonno e sulla salute fisica, con un forte impatto dunque sullo stile e sulla qualità della vita. Vi è un grande difficoltà ad iniziare e mantenere relazioni sociali e affettive.

La depressione è un disturbo spesso ricorrente e cronico di cui si può soffrire più volte nell’arco della vita. Mentre nei primi episodi l’evento scatenante è facilmente individuabile in un evento esterno che la persona valuta e sente come perdita importante e inaccettabile, nelle ricadute successive gli eventi scatenanti sono difficilmente individuabili perché spesso “interni” all’individuo, come un normale abbassamento dell’umore, che, per chi ha già sofferto di episodi depressivi, può essere un segnale di ricaduta preoccupante.

Quali sono le cause della depressione?

Le cause possono essere molteplici e variare da persona a persona. Principalmente sono di tipo biologico, ovvero una predisposizione genetica, e di tipo psicologico, ovvero le esperienze (specialmente in età infantile) possono portare ad una maggiore vulnerabilità. La vulnerabilità biologica e quella psicologica interagiscono tra di loro e spesso, ma non necessariamente, portano allo sviluppo del disturbo.

Spesso i parenti spronano chi ne soffre a reagire. Questo avviene naturalmente in buona fede, ma può generare sensi di colpa nella persona con disturbo depressivo.

Depressione e approccio sistemico-relazionale

L’approccio sistemico considera la persona portatrice del disagio depressivo sia per quello che sono i suoi aspetti individuali e di personalità sia all’interno delle sue relazioni significative per sciogliere gli eventuali nodi relazionali che provocano blocchi evolutivi, tensione, sofferenza e dolore. E’ inoltre importante non trascurare l’impatto che ha la depressione sui familiari del soggetto colpito, lo stress, la frustrazione, la rabbia, la fatica provata nel cercare di aiutarlo, spesse volte fallendo. E’ importante sostenere e aiutare la famiglia o la coppia ad affrontare la depressione di uno dei suoi membri.

La depressione è curabile. Può essere necessario, in alcuni casi, associare all’intervento psicoterapeutico un intervento farmacologico, per superare la fase del disagio.

Per superare un problema come la depressione contattami per fissare un appuntamento a Formia.

INVIA UN MESSAGGIO